Battaglione Azov, vedete questa combattente ucraina? Ecco come l’hanno ridotta i russi – Libero Quotidiano



Vivono asserragliati nei sotterranei dell’acciaieria Azovstal a Mariupol dove vengono bombardati costantemente dai russi. Oggi il canale Telegram di Tpyxa ha pubblicato le immagini di alcuni soldati del battaglione Azov – l’unità militare ucraina accusati di essere filo-nazista – come erano prima che questa guerra iniziasse e come sono i loro volti ora. Segnati e sfigurati, quasi irriconoscibili. 

 

 

Il responsabile dell’intelligence del Battaglione Azov, il tenente Illya Samoilenko, ha anche lanciato un grido d’allarme: “Stiamo subendo perdite pesanti”. E ancora: “Ogni giorno per noi potrebbe essere l’ultimo“, ha aggiunto descrivendo una situazione “straziante” mentre i russi continuano ad attaccare. “Il numero di soldati feriti è molto alto e queste persone meritano tutte le cure adeguate”, ha concluso, dicendo che “nessuno si aspettava che resistessimo così tanto ai russi, ma stiamo ancora combattendo”. 

 

 

Ieri 10 maggio, il Battaglione Azov ha pubblicato alcune foto sui social dei militari feriti che si trovano all’interno dell’acciaieria: braccia o gambe amputate, ferite mal cucite in volto, teste bendate, tentativi di saturare ferite con il materiale rimasto a disposizione. Le immagini mostrano le condizioni di scarsa igiene e le ridotte possibilità di cura in cui versano i soldati del battaglione che chiede l’intervento delle Nazioni Unite e del Comitato della Croce Rossa internazionale, oltre all’aiuto dell’intera comunità internazionale, per ottenere la loro evacuazione.

 





Source link