L’Australia annulla il visto a Djokovic: il tennista No Vax va espulso


L’Australia ha deciso: Novak Djokovic va espulso. Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha usato il suo potere personale per annullare il visto del tennista serbo. I suoi legali stanno già preparando il ricorso immediato.

Il numero uno del tennis era stato sorteggiato nel tabellone del torneo che prende il via lunedì. Hawke ha dichiarato: “Ho esercitato il mio potere ai sensi della sezione 133C (3) della legge sulla migrazione per annullare il visto del signor Novak Djokovic per motivi di salute e buon ordine, sulla base del fatto che ciò era nell’interesse pubblico. Questa decisione ha fatto seguito alle ordinanze del Circuito federale e del Tribunale della Famiglia del 10 gennaio 2022, che riformavano una precedente decisione di annullamento per motivi di equità procedurale. Nel prendere questa decisione, ho considerato attentamente le informazioni fornitemi dal Dipartimento degli affari interni, dall’Australian Border Force e dal signor Djokovic. Il governo Morrison è fermamente impegnato a proteggere i confini dell’Australia, in particolare in relazione alla pandemia di COVID-19″.

Ma non è la parola fine a questa storia. I legali del numero uno del tennis mondiale hanno già presentato il ricorso, con l’obiettivo che venga valutato entro domenica, in modo da consentire a Djokovic di restare in tabellone e partecipare agli Australian Open di cui è campione uscente e ha vinto nove volte nella sua carriera. Nole avrebbe dovuto esordire contro il connazionale Kecmanovic.

Di certo è che il serbo dovrà lasciare l’hotel a quattro stelle dell’organizzazione per ritornare al Park, la struttura di detenzione degli immigrati senza visto e, ovviamente, la rifinitura di allenamenti in vista dello Slam, sarà messa a dura prova. Al momento gli Australian Open non lo hanno ancora rimosso dal torneo.

E, per Djokovic, si prospetta un ulteriore problema: quando l’Australia cancella un visto, la persona non può rientrarvi per i successivi tre anni.



Source link