Come navigare anonimi con Firefox


Come tutti i più moderni programmi di navigazione online, anche Mozilla Firefox prevede una funzionalità per navigare su Internet senza lasciare traccia delle proprie attività. Prima di spiegarti come avvalertene, però, lasciami chiarire un aspetto fondamentale della questione. Con l’espressione navigare anonimi si possono intendere almeno due scenari differenti: il primo, quello più comunemente diffuso, consiste nell’usare una sessione “privata” del browser che, subito dopo la chiusura, cancelli automaticamente la cronologia di navigazione, i cookie, i file temporanei relativi ai siti visitati ed elementi del genere dalla memoria del dispositivo usato; il secondo, leggermente più complesso, consiste nel nascondere in maniera certosina la propria attività anche agli stessi server Web visitati o, addirittura, al proprio fornitore di servizi, usando i meccanismi anti-tracciamento inclusi nel browser unitamente a sistemi di sicurezza online come Tor.

Tema di questa mia guida sarà, per l’appunto, sia spiegarti come navigare anonimi con Firefox senza lasciare tracce operate sul computer, sullo smartphone oppure sul tablet utilizzato, sia mostrarti come camuffare il tuo operato online attraverso la rete Tor, evitando quindi di rilasciare preziose informazioni ai siti Web o allo stesso provider Internet. In quest’ultimo caso, però, dovrai prestare particolare attenzione a non effettuare l’accesso a piattaforme riconducibili a te, come email, siti ecommerce, social network e così via, in quanto potresti essere smascherato con relativa facilità. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura.

Indice

Come navigare anonimi con Firefox senza lasciare tracce sul dispositivo

Iniziamo questa guida vedendo, insieme, come attivare una finestra o un pannello di navigazione anonima di Firefox su PC, smartphone e tablet. Ti rammento, a tal proposito, che tutti i file relativi all’attività di navigazione effettuata mediante la suddetta finestra (e le schede aperte al suo interno) verranno archiviati provvisoriamente sul dispositivo e cancellati quando l’ultima schermata di navigazione anonima viene chiusa, oppure quando il dispositivo viene riavviato; i download effettuati durante la navigazione anonima, invece, resteranno archiviati nella cartella di salvataggio scelta e dovranno essere cancellati manualmente.

Da PC

Come navigare anonimi con Firefox senza lasciare tracce

Per aprire una finestra anonima di Firefox su computer, tutto ciò che devi fare è avviare il browser, cliccare sul pulsante ☰ collocato in alto a destra e selezionare la voce Nuova finestra anonima dal menu che compare; in alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato premendo.

Per chiudere una finestra di navigazione anonima, è sufficiente fare clic sulla X situata nell’angolo in alto a destra della schermata, su Windows, oppure nell’angolo in alto a sinistra, su Mac. Le schede di navigazione anonima si distinguono da quelle “normali” per la presenza del simbolo di una maschera nell’angolo in alto a destra della finestra.

Come navigare anonimi con Firefox senza lasciare tracce sul dispositivo

Per impostazione predefinita, alle estensioni di Firefox viene negato il permesso di funzionare nelle finestre anonime; per modificare questo comportamento, clicca sul pulsante ☰ del browser, seleziona la voce Estensioni e temi dal menu che compare e fai clic sul nome dell’estensione da autorizzare durante la navigazione anonima; in seguito, individua il riquadro Funzionamento in finestre anonime e apponi il segno di spunta accanto alla voce Consenti. Così facendo, le estensioni potranno accedere alle tue attività online anche nelle finestre anonime, il che potrebbe rappresentare un rischio per la riservatezza delle stesse: tienine conto.

Al bisogno, puoi far sì che Firefox cancelli i cookie e i dati dei siti Web ogni volta che viene chiuso, anche durante le sessioni di navigazione “normale”; questa impostazione, però, non avrà effetto sulla cronologia, sui moduli/password salvate e su altre informazioni non esplicitamente indicate.

Per abilitarla, apri il menu di Firefox cliccando sul pulsante ☰ e, dopo aver selezionato la voce Impostazioni, clicca sulla dicitura Privacy e sicurezza (oppure sul simbolo del lucchetto) visibile nella barra laterale di sinistra. Infine, individua la voce Elimina cookie e dati dei siti web alla chiusura di Firefox e apponi il segno di spunta all’interno della casella corrispondente.

Da smartphone e tablet

Come navigare anonimi con Firefox

Per quanto riguarda Firefox per smartphone e tablet, è possibile aprire una sessione anonima facendo tap sul contatore delle schede (situato a sinistra del pulsante menu), poi sulla scheda raffigurante una maschera e, in seguito, sul pulsante (+ Anonima) (su Android) oppure [+] (su iPhone e iPad). Per interrompere la navigazione privata, effettua la medesima procedura vista poco fa e tocca il bottone (X) corrispondente alle schede aperte. Su Android, puoi altresì aprire rapidamente un pannello di navigazione anonima dalla schermata iniziale del browser, facendo tap sul simbolo della maschera collocato in alto a destra.

Per quanto riguarda i componenti aggiuntivi di Firefox per Android (su iPhone e iPad non sono disponibili), vale la stessa regola già vista per computer: per impostazione predefinita, essi sono disattivati durante le sessioni anonime, ma possono essere abilitati manualmente intervenendo sulle rispettive impostazioni (tenendo conto del fatto che, così facendo, le estensioni saranno in grado di accedere all’attività online svolta in anonimo).

Farlo è semplicissimo: per prima cosa, fai tap sul pulsante (⋮) di Firefox, seleziona la voce Componenti aggiuntivi dal menu che compare, fai tap sul nome dell’estensione di tuo interesse e sposta da OFF a ON la levetta corrispondente alla voce Esegui in navigazione anonima.

Come navigare in anonimato con Firefox online

Come navigare anonimi con Firefox

Se intendi navigare in totale anonimato anche online e non soltanto senza lasciare tracce sul dispositivo dal quale stai agendo, non posso fare altro che consigliarti il download di Tor Browser, una versione modificata del browser Firefox che include una serie di strumenti necessari a mantenere l’anonimato in Rete, tra cui un’estensione per navigare anonimi con Firefox usando la rete Tor, o the onion router: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un particolare sistema “a cipolla” (di qui il termine onion) che, facendo “rimbalzare” i dati da un server all’altro, elimina le tracce (e l’indirizzo IP) del computer di partenza.

Inoltre, Tor Browser è preimpostato per bloccare tutte le tecnologie di tracciamento dei siti Web, per impedire l’esecuzione parziale o totale di JavaScript e per cancellare tutti i dati di navigazione all’atto della chiusura del browser. Il software in questione è disponibile sia per Windows che per macOS ed è disponibile anche sotto forma di app per Android (sia sul Play Store che sui market alternativi destinati ai device sprovvisti di servizi Google).

Tor Browser offre un buon livello d’anonimato in rete ma, per ottenere il miglior risultato possibile, dovresti evitare di effettuare l’accesso a siti, portali o in generale account che possano essere ricondotti alla tua persona durante le sessioni di navigazione anonima: potresti essere smascherato se i dati provenienti dai vari provider venissero incrociati, per qualche motivo. Non dimenticarlo!

Per scaricare Tor Browser sul computer, collegati a questo sito Web, fai clic sul pulsante Scarica Tor Browser e poi sull’icona del sistema operativo in uso sul tuo computer, così da avviare il download del file più adatto. Una volta scaricato il file d’installazione del programma, aprilo e segui la procedura più indicata per il tuo sistema operativo.

  • Windows: clicca sul pulsante OK per confermare l’uso della lingua italiana e concludi il setup premendo sui pulsanti Installa e Chiudi. Il software dovrebbe avviarsi da solo ma, se ciò non dovesse accadere, puoi usare l’icona che è stata nel frattempo aggiunta al menu Start.
  • macOS: serviti della finestra di trasferimento che compare sullo schermo per trascinare l’icona di Tor Browser nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, fai clic sull’icona appena copiata e clicca sulla voce Apri per due volte di seguito, in modo da superare le restrizioni volute da Apple nei confronti degli sviluppatori non certificati.

Una volta aperto il browser, clicca sul pulsante Connetti e attendi qualche istante, affinché venga stabilita la connessione alla rete Tor. A seguito di questa operazione, dovresti essere in grado di navigare subito in maniera anonima: per accertartene, collegati a questa pagina Web e dà uno sguardo al messaggio che compare sullo schermo. Se vedi una scritta simile a Congratulations, this browser is configured to use Tor vuol dire che tutto è andato per il verso giusto.

Se ti trovi in un Paese o in una zona geografica soggetta a censura, oppure se hai necessità di avviare la navigazione passando per un proxy, fai così: subito dopo l’apertura di Firefox, clicca sul bottone Impostazioni della rete Tor e segui la procedura che ti viene proposta, per specificare il proxy oppure il tipo di bridge da usare per superare le restrizioni imposte dal tuo fornitore di servizi.

Per riavviare il collegamento alla rete Tor e cambiare il tuo indirizzo IP, fai clic sul simbolo della scopa collocato in alto a destra; per accedere alle impostazioni rapide di privacy e sicurezza, clicca invece sull’icona a forma di scudo. Per maggiori informazioni in merito al funzionamento di Tor Browser, ti rimando alla lettura della guida specifica che ho dedicato al tema.

Come navigare anonimi con Firefox

Per scaricare Tor browser su smartphone e tablet Android, devi aprire lo store di riferimento del tuo device, cercare il nome dell’app mediante l’apposita funzione e premere sui bottoni Installa e Apri, per effettuarne il download e, in seguito, avviarla. Se l’app non è presente, puoi scaricare il pacchetto APK direttamente dal suo sito ufficiale: se non sai come portare a termine l’installazione manuale di un file APK sul tuo dispositivo, fa riferimento alla guida linkata poc’anzi, nella quale ti ho spiegato come procedere.

Dopo aver aperto il browser, tocca il pulsante Connetti per stabilire il collegamento alla rete Tor; anche in questo caso, se hai bisogno di configurare l’accesso da una zona che impone censura o da un ISP che richiede l’uso di un proxy, tocca il simbolo della rotella d’ingranaggio situato in alto a destra e tocca il riquadro Configura bridge, per regolare le impostazioni necessarie. Maggiori info qui.

Altri sistemi per navigare anonimi con Firefox

Come navigare anonimi con Firefox

L’integrazione tra le funzionalità di sicurezza e privacy di Firefox e quelle offerte dalla rete Tor dovrebbero essere sufficienti per poter navigare con relativa tranquillità in maniera totalmente anonima, ma esistono altri metodi alternativi che offrono risultati altrettanto soddisfacenti.

Uno dei più conosciuti e sicuri prevede l’impiego delle VPN, o reti private virtuali: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un sistema di collegamento basato sul tunneling, il quale consente di nascondere la propria attività in Rete al proprio fornitore di servizi e di mascherare la propria posizione geografica. Per ottenere risultati ottimali, le VPN dovrebbero essere usate durante le sessioni di navigazione anonima di Firefox.

Per approfondimenti circa le modalità di funzionamento delle VPN, puoi far riferimento alla guida specifica disponibile sul mio sito. Se, invece, vuoi passare subito all’azione, puoi scaricare e installare subito uno dei numerosi programmi per VPN disponibili in Rete: tra i migliori e più affidabili software della categoria, ti segnalo NordVPN (di cui ti ho parlato meglio qui) e Surfshark (di cui ti ho parlato qui).

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e
Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei
trenta siti più visitati d’Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e
Mondadori Informatica.



Source link