“Stiamo parlando di se***o?”. Matilde Gioli in imbarazzo – Libero Quotidiano



Una Mara Venier esplosiva ha animato la puntata speciale de I soliti ignoti, dedicata alla Lotteria Italia e condotta da Amadeus su Rai 1. In studio con loro c’erano degli attori molto noti, come Francesca Chillemi, Matilde Gioli, Beppe Fiorello, Lino Banfi e Nino Frassica. La Venier invece è stata invitata proprio come concorrente della trasmissione: è stata lei a dover indovinare le identità misteriose dei Vip e non in gioco. 

 

 

 

La partecipazione dell’amata conduttrice ha divertito tutti e i fan sono letteralmente impazziti per lei sui social. La Venier ha fatto anche una battuta che non è passata affatto inosservata. Doveva indovinare l’identità misteriosa di Matilde Gioli, attrice protagonista della fiction “Doc Nelle tue Mani”. Non avendo idea di cosa potesse trattarsi, Mara ha chiesto l’indizio della fotona e ha ascoltato cosa aveva da dire la Gioli a proposito della stessa. Nella foto c’era un primo piano dell’attrice con un’espressione buffa e di sollievo. Matilde ha spiegato che si trattava di un’espressione che le è venuta spontanea dopo aver fatto l’attività protagonista dell’identità.

 

 

 

A quel punto è intervenuto Amadeus che ha cercato di dare un ulteriore aiuto alla concorrente sperciale: “Dopo che togli qualcosa, soprattutto”. La Venier, però, ha continuato a rimanere spaesata. E quando la Gioli ha aggiunto: “Alla fine di un atto”, la conduttrice non ha potuto non chiedere: “Ma, scusa, di se**o stiamo parlando?”. Sia la Gioli che Amadeus sono scoppiati a ridere, dopo un primo momento di imbarazzo. Poi l’attrice ha continuato: “Mara si toglie prima, nel caso. Hai opzioni che non parlano di questo, della cosa che hai detto tu”. Alla fine, ciò che si era tolta in quella foto erano le scarpe, dopo essersi arrampicata su una montagna di 4mila metri. Altro momento memorabile della serata è stato quando la Venierr, dopo aver indovinato il penultimo ignoto, è corsa ad abbracciare Amadeus, facendolo quasi cadere. 

 

 

 





Source link