Stop alla Rai, la frenata di Conte. E Grillo: specialista in penultimatum- Corriere.it


di Emanuele Buzzi

Il ritorno del fondatore che sferza il leader: un gentleman. Lui: Beppe ha fatto una battuta

Sempre il caso Rai agita i Cinque Stelle e d il la a un botta e risposta tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo. Il presidente M5S puntualizza dopo un incontro con gli eletti al Senato (e dopo i continui malumori dei giorni scorsi di una parte della truppa parlamentare) che lo stop non definitivo. Non vogliamo contrastare quella che la funzione del servizio pubblico o prendere una decisione irreversibile, dice l’ex premier. Qualche ora dopo replica Beppe Grillo, collegato in videoconferenza — dopo settimane di silenzio — a un incontro sulle comunit energetiche rinnovabili promosso dai vertici M5S: Mi fa piacere che c’ la stampa, vuol dire che Conte non riesce a dare ultimatum, Conte un gentleman, il pi grande specialista in penultimatum.

Le parole di Grillo rivolte all’ex premier, dopo il gelo dei mesi scorsi, hanno un effetto tam tam sui social network e sui cellulari dei Cinque Stelle. A stretto giro, Conte prova a minimizzare: Beppe ha fatto una battuta, ci siamo confrontati anche su questo punto — chiarisce —. Sul piano della comunicazione Grillo ha una visione non molto ortodossa, quindi gi in passato ha dimostrato di non essere legato molto alle apparizioni televisive, quindi non c’ stata alcuna divergenza sulle scelte. L’ex premier fa capire che una retromarcia sulla Rai possibile e precisa che quella di non far partecipare pi gli eletti alle trasmissioni del servizio pubblico una decisione che abbiamo preso tutti insieme, tutti gli organi competenti coinvolti: i capigruppo, i vicepresidenti, la delegazione governativa e tutti i membri della Vigilanza. E allo stesso modo la decisione di segno contrario la prenderemo insieme.

L’ex premier interviene anche sul braccio di ferro per la questione del relatore al bilancio: C’ un confronto sereno con le altre forze politiche. Non c’ stato il veto nei confronti di nessuna, n dell’onorevole Vasco Errani, che stimo — sottolinea Conte —. Non c’ stato nessun patto che porterebbe ad una violazione, c’ una discussione in atto.

Intanto Grillo — alla presenza del ministro Cingolani, tra i relatori dell’incontro — insiste sul tema della transizione ecologica: Dobbiamo riflettere sugli errori che abbiamo fatto, ma siamo gli unici che possono fare questa transizione, perch non siamo coinvolti in niente, non abbiamo cointeressenze negli inceneritori e in nulla. Siamo dei dilettanti straordinari, e la storia l’hanno fatta sempre i grandi dilettanti.

Mentre nel M5S si discute, la rifondazione contiana fa qualche passo avanti. La votazione per la ratifica dei 5 vicepresidenti imminente e anche la composizione dei vari comitati tematici pressoch ultimata. Probabilmente il varo sar all’inizio della prossima settimana. Secondo le indiscrezioni raccolte dall’Adnkronos alla senatrice Alessandra Maiorino andr la delega per le politiche di genere e Gianni Girotto, presidente della Commissione Industria di Palazzo Madama e considerato vicino a Grillo, sar nel comitato sulla transizione ecologica. Della squadra contiana faranno parte anche due big come Alfonso Bonafede e Chiara Appendino.

23 novembre 2021 (modifica il 23 novembre 2021 | 22:54)



Source link