«Non cedere sulle regole»- Corriere.it


Salvini torna a proporre tamponi gratuiti e attacca Lamorgese. Letta difende la ministra

Salvini contro Letta, un nuovo round: continua a infuriare la polemica politica sul green pass. Il leader della Lega ospite a Radio anch’io su Radio 1 attacca: «Con Draghi abbiamo condiviso che bisogna semplificare, aiutare, non isolare o complicare. Gli italiani sono fra i popoli più vaccinati al mondo, non è un popolo di gente strana. Siamo ormai oltre l’80% di chi ha la doppia dose, b
isogna semplificare la vita visto che i dati del Covid sono in continui calo, bisogna semplificare la vita ai milioni di italiani che per loro motivi hanno fatto un’altra scelta». E precisa: «Innanzitutto proponiamoli sti tamponi gratuiti. Perché 8 milioni di persone che vanno in farmacia mettono in tilt il sistema. Occorre usare il buonsenso, equilibrio, senza contrapposizioni di forza e gestire l’ordine pubblico in maniera sensata. Non come è accaduto sabato scorso». Salvini poi rispetto ai disordini di Roma punta l’indice contro la ministra Lamorgese «Io penso molto semplicemente che l’attuale ministro dell’Interno non sia all’altezza di una situazione così delicata come questa».

Sempre dai microfoni di Radio anch’io arriva a stretto giro la replica di Enrico Letta. Secondo il segretario dem, «È necessario continuare sull’azione di convincimento e richiesta di buonsenso. Se si cede su una regola fondamentale, a cui tutti ci siamo adeguati e che ci sta portando fuori dall’emergenza, diventa tutto più complicato». «Spero non si paralizzi il Paese, sarebbe una grave responsabilità di una minoranza – aggiunge -. Non vaccinarsi non è una motivazione reale per bloccare il Paese. L’abbiamo fatta tutti, non si vede perché qualcuno che non vuole vaccinarsi debba bloccare il Paese, non ha senso». Letta difende anche Lamorgese. Gli attacchi di Fdi alla ministra sono a suo avviso «sono soprattutto un modo per coprire l’assunzione di responsabilità. La Meloni ha passato giorni nei quali ha spiegato che non si sapeva di chi fosse la matrice” di quanto accaduto sabato scorso in piazza. Il «non volersi assumere responsabilità su questo elemento qui credo che sia stato un fatto grave e ora cerca di scaricare sulla Lamorgese… Non vedo come tutto questo c’entri con la richiesta di pacificazione nazionale di Salvini dopo aver visto la Meloni…».

14 ottobre 2021 (modifica il 14 ottobre 2021 | 10:40)



Source link