“Purtroppo ci sono molti morti” – Libero Quotidiano



Orrore e mattanza in Norvegia. Un uomo, armato di arco e frecce, ha fatto una strage nel sud del Paese, il tutto nella città di Kongsberg, a circa 80 chilometri dalla capitale Oslo.

Il folle ha infatti iniziato a scagliare frecce sui passanti. Subito arrestato il sospettato dell’attacco. E ancora, il capo della polizia locale, Oeyvind Aas ha fatto sapere che l’uomo ha agito da solo. Al momento gli investigatori non si sbilanciano su quale possa essere il movente, le indagini sono in corso. La polizia non esclude però nessuna ipotesi, neppure quella di terrorismo, che sembra essere una delle più accreditate.

 “Possiamo purtroppo confermare che ci sono diversi feriti e purtroppo anche molti morti”, ha spiegato il funzionario della polizia locale Yvind Aas in una conferenza stampa. “L’uomo che ha commesso questo atto è stato arrestato dalla polizia e, secondo le nostre informazioni, c’è solo una persona coinvolta”, ha rimarcato. Il bilancio provvisorio è di “almeno quattro morti”.

Stando alle informazioni, gli attacchi – così come hanno svelato gli investigatori – sono avvenuti in “una vasta area” di Kongsberg, un comune di circa 28 mila abitanti. Il ministro della Giustizia e della Pubblica sicurezza norvegese, Monica Maeland, ha ricevuto aggiornamenti sugli attacchi e sta monitorando da vicino la situazione, hanno fatto sapere le autorità in una nota.

L’uomo fermato, rivela l’agenzia di stampa Afp citando il canale televisivo TV2, aveva anche un coltello e, pare, diverse altre armi. Alle persone della zona è stato intimato di rimanere nelle proprie abitazioni. I filmati televisivi e sui social network mostrano un grande dispiegamento di polizia armata e ambulanze. Anche un elicottero e una squadra di artificieri sono stati inviati sulla scena e il servizio di intelligence nazionale è stato allertato. L’emittente pubblica Nrk ha anche mostrato sul suo sito l’impresisonante immagine inviata da un testimone che mostra una freccia nera piantata in un muro.





Source link