Roma, nelle biblioteche arrivano le sale studio all’aperto: giardini e cortili per leggere e lavorare



Leggere sul prato, studiare tra gli alberi, o magari lavorare nel verde, riparati sotto un ombrellone. L’estate romana porta i libri all’aperto e trasforma cortili e giardini delle Biblioteche di Roma Capitale in sale da lettura e studio. Si accede su prenotazione e negli orari di apertura agli spazi esterni di varie biblioteche, alcune situate nei parchi e nelle ville storiche romane. Tra le altre, ad accogliere studenti e smart worker, c’è la biblioteca Fabrizio Giovenale, nel Municipio IV, situata in un complesso di casali all’interno del Parco regionale urbano di Aguzzano. Nel municipio XII l’appuntamento è al Villino Corsini, nella terrazza affacciata su paesaggi e scenari di Villa Doria Pamphili. In centro, invece, è possibile leggere nel chiostro borrominiano di Casa delle Letterature, a due passi da Piazza Navona. La sera, queste stesse “sale” diventano teatri per eventi culturali, tra presentazioni di libri, reading, musica, laboratori e circoli di lettura.
di Martina Coscetta



Source link