Lega: “Fratelli d’Italia ha una rete Rai, Meloni? Memoria corta…”


“Il Centrodestra è compatto e lo dimostrerà anche mercoledì in occasione del voto Parlamentare sul presidente della Rai. Sinceramente sono stupito dell’atteggiamento di alcuni rappresentanti di Fratelli d’Italia che forse hanno dimenticato che la Lega ha ceduto loro la vice presidenza della Camera, un posto

massimiliano capitanio
  Massimiliano Capitanio

da questore, la presidenza del Copasir e li ha sostenuti con assoluta lealtà e determinazione nelle città e nelle regioni dove hanno espresso i loro candidati”. Lo afferma ad Affaritaliani.it Massimiliano Capitanio, capogruppo della Lega in Vigilanza Rai, dove è anche segretario, rispondendo alle dure critiche arrivate da Giorgia Meloni e tutta FdI dopo l’elezione dei membri del cda Rai da parte del Parlamento.

“La Lega con trasparente spirito istituzionale e senso di responsabilità non ha nemmeno mai risposto alle tantissime provocazioni che arrivano da alcuni esponenti di Fratelli d’Italia durante le lunghe ore di inutile ostruzionismo sui provvedimenti parlamentari, con cui stiamo cercando di far arrivare risorse vere al Paese reale e quella semplificazione burocratica che secondo il politecnico di Milano ci costa 2 punti di Pil percentuali ogni anno. I rappresentanti eletti con il voto del Centrodestra garantiranno nel consiglio di amministrazione della Rai il rispetto degli spazi di tutto il Centrodestra, così come in Vigilanza abbiamo sempre lavorato in maniera sinergica. All’interno della stessa Rai i dati dell’osservatorio di Pavia certificano un’attenzione al partito di Giorgia Meloni ben superiore alla percentuale di voti rappresentata in Parlamento. Senza dimenticare che un’intera rete di Viale Mazzini è praticamente controllata da Fratelli d’Italia”.

“Io credo che alcune posizioni decisamente scomposte – sottolinea Capitanio – siano finalizzate semplicemente ad alzare il prezzo in vista di qualche compensazione e questo sinceramente non è elegante anche se comprensibile. La lega si farà garante, come sempre, del rispetto del pluralismo anche nei confronti di Fratelli d’Italia, come non mettiamo in dubbio che il partito della Meloni sia garante nei confronti della Lega in tutte le altre realtà istituzionali in cui abbiamo loro lasciato posizioni di comando e di controllo. Adesso concentriamoci su una vera riforma della Rai, sui referendum e sulle elezioni regionali. L’unione fa la forza, chi grida per una poltrona sicuramente non verrà capito dal Paese”.





Source link