Vivendi tratta con il finanziere Ackman per la vendita del 10% di Universal


Vivendi sta trattando con Pershing Square Tontine Holdings, la Spac del finanziere Usa Bill Ackman, per la vendita del 10% delle azioni di Universal Music Group per circa 4 miliardi di dollari con un valore di impresa pari a 35 miliardi di euro per Umg: così riferisce il comunicato della Spac, sulla scia delle indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal. Inoltre, in aggiunta alla transazione- precisa il comunicato- i fondi Pershing Square e le loro affiliate hanno indicato che potrebbero acquisire una maggiore esposizione economica a Umg, acquistando titoli di Vivendi e/o acquistando azioni Umg dopo la distribuzione di azioni Umg da parte di Vivendi”.

“A differenza di molte transazioni delle Spac, Psth e Umg non si fonderanno in un’unica società”, indica il comunicato della società di Ackman, che intende restare quotata a New York. Con la transazione prospettata, la valorizzazione di Umg sale dunque ulteriormente rispetto ai 30 miliardi di euro che erano stati alla base della cessione del 20% alla cinese Tencent, avvenuta in due fasi tra il marzo 2020 e il gennaio 2021, e ai 33 miliardi riportati a maggio nella documentazione in vista dell’assemblea di Vivendi del 22 giugno.

La media company francese, che è controllata al 27% da Vincent Bollore, ha indicato di voler quotare Umg alla Borsa di Amsterdam entro il 27 settembre, dopo avere distribuito il 60% del capitale agli azionisti di Vivendi. La società in quell’occasione ha anche precisato che era in corso di esame l’opportunità di cedere il 10% di Umg a un investitore Usa oppure di procedere a un’offerta pubblica del 5-10% del capitale della società. Nel primo trimestre dell’anno Umg, che ha sempre avuto una parte decisiva nella performance di Vivendi, ha registrato un fatturato di 1,8 miliardi di euro: +2,2% su base storica e +9,4% a tassi di cambio e perimetro costanti.

Il “catalogo” della società – una delle major del settore assieme a Sony e Warner – va dai Beatles a Rihanna, da Lady Gaga e Justin Bieber. Nello scorso dicembre inoltre ha rilevato l’intero catalogo delle canzoni di Bob Dylan, con una delle operazioni più importanti del settore. “Universal Music Group è uno dei business più grandi del mondo“, ha detto Bill Ackman, CEO di Psth, citato nel comunicato. “Guidato da Sir Lucian Grainge, ha uno dei migliori team di manager che io abbia mai incontrò”, prosegue Ackman, aggiungendo che Umg ‘”risponde a tutti i nostri criteri di acquisizione e principi di investimento, come società leader della musica”. 

 





Source link