Anche il mercato dei wearables non conosce sosta: vendite al +34%


Anche il mercato dei dispositivi wearables ha registrato, nel corso dei primi 3 mesi del 2021, risultati di vendita decisamente positivi a conferma dell’interesse da parte dei consumatori verso questa tipologia di prodotti. Le vendite hanno totalizzato quota 104,6 milioni di pezzi secondo il più recente report fornito da IDC, un dato in crescita del 34,4% rispetto ai 77,8 milioni di pezzi dello stesso periodo del 2020.

E’ interessante segnalare come a fronte di un andamento delle vendite nello standard per i due produttori in testa alla classifica, Apple e Samsung, la maggior parte della crescita di mercato sia stata generata dai produttori minori. Applemantiene la leadership del settore con il 28,8% della quota di mercato, registrando una crescita annuale del 19,8% che è inferiore alla media di mercato.

zeblazeneo3_720.jpg

Samsung è al secondo posto con l’11,3% della quota di mercato, capace di una crescita nel volume di vendita del 35,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno rimanendo quindi allineata alla crescita media del mercato. Xiaomi ha registrato invece un calo, con vendite rimaste pressoché invariate in termini di volumi (-1,8%) ma una quota di mercato che è sceda al 9,7%. Ne ha beneficiato almeno in parte Huawei, che ha aumentato del 31,1% i propri volumi di vendita dei dispositivi wearables registrando una quota di mercato dell’8,6%.

Tutti gli altri produttori incidono assieme per circa il 44% del mercato nel complesso, capaci di registrare in modo unitario un aumento dei volumi di vendita superiore rispetto alla media di mercato. Il successo delle aziende più piccole è stato ottenuto attraverso una loro specializzazione verticale, o su specifiche tipologie di prodotti wearables oppure a livello di mercato indirizzando i propri sforzi commerciali verso specifiche aree geografiche. Un esempio è BoAt, quinto produttore al mondo per volumi nel primo trimestre 2021 nonché azienda specializzata in soluzioni wearables di costo ridotto per il mercato indiano.



Source link