Mondiale Rally 2022 con auto ibride: arriva la conferma della FIA


Hyundai, Toyota e M-Sport Ford dal 2022 al 2024 parteciperanno al WRC con le nuove auto di classe Rally1 dotate di ununit ibrida. Lo ha confermato Yves Matton, direttore Rally FIA, dopo i malumori all’indomani dell’annuncio iniziale. Non solo, Ford ha rilasciato le prime immagini della sua M-Sport Ford Fiesta WRC per la nuova classe Rally1.


M-Sport Ford Fiesta WRC


Sostenibilit, gestione dei costi e sicurezza con le nuove auto ibride WRC


“Il progetto ibrido Rally1 una pietra miliare nello sviluppo del rally e sottolinea l’impegno della FIA per la sostenibilit e la tecnologia avanzata”, sono state le parole di Matton, che ammette per che qualche problema nello sviluppo c’ stato. “Ovviamente, qualsiasi nuovo prodotto in fase di sviluppo incontra delle sfide. Durante l’attuale fase di test c’ una forte collaborazione tra la FIA, i produttori ei nostri partner tecnici”.


M-Sport Ford Fiesta WRC


“Al momento stiamo attuando un processo accelerato in conseguenza ai ritardi nelle consegne per effetto della pandemia Covid-19, ma a otto mesi dall’inizio della stagione 2022, siamo sulla buona strada”, ha aggiunto. I primi powertrain spediti ai costruttori presentavano, infatti, dei difetti e sono stati rispediti indietro.


M-Sport Ford Fiesta WRC


La FIA e i suoi partner hanno fatto ingenti investimenti sul programma di elettrificazione. L’accordo per tre anni dal 2022 al 2024 prevede, infatti, una condivisione dei costi di sviluppo relativi alle nuove tecnologie ibride. Sostenibilit, gestione dei costi e sicurezza sono altri tre aspetti che la FIA e i produttori terranno in forte considerazione.


M-Sport Ford Fiesta WRC


Il nuovo propulsore, derivato dall’attuale 1.6 turbo da 380 cavalli, sar accompagnato da un’unit elettrica da 100 kW fornita da Compact Dynamics. La Fiesta utilizzata nei primi test, che vedete in queste foto, innegabilmente un prototipo con livrea ancora camuffata per mimetizzarne le forme. Tuttavia, le foto lasciano intravedere le linee guida che i produttori dovranno seguire nel disegno delle nuove soluzioni aerodinamiche, pi spinte rispetto a quelle che caratterizzano le auto dell’attuale campionato Rally. Tra le altre cose, l’ala posteriore appare di dimensioni considerevoli e senz’altro pi elaborata.


I costruttori porteranno avanti i test nelle prossime settimane, con prove al banco dei nuovi powertrain e prime sortite sull’asfalto come nel caso della Fiesta. Fra le nuove dotazioni di sicurezza, anche una cella di sicurezza rivista che indurr i costruttori a ulteriori analisi sull’aerodinamica, e non solo.




Leggi anche: FIA Gran Turismo, un campionato per le auto elettriche ad alte prestazioni



Source link