IBM pensa alla cessione di Watson Health per concentrarsi su AI e cloud ibrido


IBM starebbe valutando la possibilit di cedere a terzi la divisione Watson Health. L’ipotesi stata portata all’attenzione dei dirigenti e del consiglio di amministrazione nel contesto del piano di gestione del CEO Arvind Krishna, entrato in carica lo scorso aprile 2020, e focalizzato sull’esecuzione di attivit a pi alto margine come AI e cloud. Quando Big Blue ha presentato i risultati del quarto trimestre fiscale 2020 ha evidenziato un calo del 2%, anno su anno, per i ricavi delle “cognitive apps” tra cui figura proprio Watson Health.

E’ interessante sottolineare il cambio di passo di IBM: durante la guida di Ginni Rometty (CEO dall’ottobre del 2011 allo scorso aprile 2020) IBM Watson era uno degli “imperativi strategici” nella conduzione della societ, anche se con una crescita lenta e con difficolt di implementazione per i clienti.

Watson Health in cessione? Tutte le opzioni sul tavolo

Successivamente al lancio di Watson Health, l’obiettivo era l’espansione nel settore della medicina personalizzata con le iniziative sulla traduzione del DNA e l’inserimento delle cartelle cliniche elettroniche. Watson ha per trovato un ambiente non cos favorevole nel settore sanitario, in parte anche per via delle esitazioni del personale medico nell’adottare sistemi di intelligenza artificiale. Durante il 2018 IBM ha licenziato una parte della forza lavoro dedicata a Watson Health. Per quanto riguarda la potenziale vendita tutte le opzioni sarebbero sul tavolo: cessione ad un private equity, ad una societ del settore o fusione con una blank-check company.


Non si tratta della prima misura di cessione che IBM ha messo sul tavolo: gi lo scorso ottobre la societ aveva annunciato l’intenzione di scorporare la unit che si occupa di servizi infrastrutturali in una nuova realt, anche in questo caso allo scopo di concentrarsi sulle attivit hybrid cloud che comprendono anche Red Hat. La nuova societ di trover nella posizione di cogliere l’opportunit di modernizzazione delle infrastrutture esistenti, che covano un valore complessivo di 500 miliardi di dollari.

A regime la nuova societ, il cui nome non ancora stato deciso ma che sar guidata da Martin Schroeter, potr contare su un fatturato annuo di 19 miliardi di dollari. Nel momento in cui la divisione dei servizi infrastrutturali verr scorporata, IBM diventer una societ in cui pi del 50% del fatturato sar originato da entrate ricorrenti.



Source link